fbpx
Connect with us

Fuel Style

Otto accessori speciali per la tua moto

blank

Published

on

Otto accessori

Otto accessori speciali per la tua moto: dall’abbigliamento alla tecnica, cosa serve di più alla tua moto e per il tuo style

**

Otto accessori: TCX Rook Waterproof

Questo stivale si ispira ai modelli tattici ma ne rappresenta un’evoluzione per stile e funzionalità: ideato per l’uso quotidiano, Rook Waterproof è per chi desidera una calzatura dal look vintage da sfoggiare sulla propria amica a due ruote, ma anche in ufficio, completando in modo ottimale un outfit ricercato e versatile.

Caratterizzato da una tomaia in pregiata pelle nubuck oliata e movimentata da inserti in tessuto tecnico, ha struttura con flessibilità nelle zone strategiche ma anche robusta e resistente. Inoltre, grazie al plantare in OrthoLite, traspirante e ammortizzato, è comodo anche in camminata.

Otto accessori

Ulteriore dettaglio distintivo è l’area-cambio dello stivale sinistro, con una speciale pressatura a caldo per evitare le strisciature della leva.

Grazie alla fodera in T-Dry, lo stivale è resistente all’acqua e può essere utilizzato in ogni stagione. La suola, in gomma resistente all’usura, contribuisce a conferire alla calzatura una forte identità, grazie alla finitura martellata e al battistrada tassellato, mentre l’allacciatura tradizionale richiama quella degli anfibi.

Non mancano i rinforzi nelle aree vulnerabili, presenti nella zona dei malleoli, della punta e del tallone. Rock Waterproof, disponibile in nero o marrone, è certificata CE secondo la normativa EN13634:2017; prezzo al pubblico, 179 euro.

www.tcxboots.com

Otto accessori

Otto accessori: Remus Black Hawk per KTM 690

Italiamoto propone il nuovo impianto di scarico completo Remus con silenziatore Black Hawk per la KTM 690 SMC R.
Il terminale Black Hawk è un silenziatore in acciaio dalla linea slanciata che regala un sound inconfondibile, impreziosendo e snellendo il design della moto: disponibile sia in versione in acciaio nero che in acciaio opaco, incrementa le prestazioni fino a 4,8 CV rispetto al silenziatore originale, con crescita della coppia di 7,1 Nm insieme a un’importante riduzione di peso.

L’impianto completo Black Hawk è proposto in versione omologata Euro 4 o Racing: la prima, fornita di targhetta sul silenziatore con numero d’omologazione, insieme al foglio del Ministero da allegare al libretto, costa 1.443 euro in acciaio nero e 1.414 in acciaio opaco; la versione racing, in acciaio nero, è offerta a 1.070 euro, mentre in acciaio opaco ne costa 1.040; tutti i prezzi sono IVA inclusa.

www.italiamoto.it 

Otto accessori: Scorpion Exo HX1

Otto accessori

Un casco molto versatile, che sposa la filosofia “neo-retro” proponendo nuove funzioni e ridisegnando la calotta (in fibra Ultra-TCT) attraverso una linea filante e “trendy” senza tradire il look classico da “streetfighter”. Il nuovissimo EXO HX1 by Scorpion Sports è dotato dell’innovativo meccanismo magnetico brevettato e dalle dimensioni contenute per i movimenti della visiera: questa tecnologia offre una silenziosità d’azionamento senza eguali e lascia sostanzialmente inalterata la linea aerodinamica della calotta anche a visiera aperta.

Exo HX1 passa facilmente in modalità Off-Road privandolo della visiera e istallando il frontino di serie; o, ancora, può modificare il suo classico look da combattente rimuovendo  la visiera e inserendo le cover laterali previste di serie. L’apertura ha una conformazione che rende possibile l’uso di ogni tipo di occhiale protettivo quando l’Exo HX1 è in “modalità” Off-Road.

Caratteristiche in breve

Calotta in Ultra-TCT, chiusura micrometrica, sistema di aerazione “Aero-Tuned”, deflettore nasale per impedire l’appannamento della visiera, doppia prese d’aria (mentoniera e parte alta calotta), interni estraibili e lavabili in morbida schiuma 3D rivestita del tessuto anallergico, antimicrobico e traspirante KwikwickIII, sistema di cuscini interni KwikFit per mettere e togliere agilmente gli occhiali, sistema di bloccaggio della visiera, modalità di apertura della visiera brevettata di tipo magnetico, visiera interna parasole retrattile, pinlock 100% Max Vision 3D di serie.

Predisposto per ospitare altoparlanti, è disponibile in due misure di calotta, con un peso totale di 1.300 grammi (taglia M) e cinque colorazioni (monocolore o grafiche); prezzi da 299 euro.

www.scorpionsports.eu

Otto accessori: Givi Weightless

Otto accessori

Proposte all’ultima edizione di EICMA, arrivano sul mercato le valigie Weightless che stanno fra gli otto accessori di questo articolo: la coppia di laterali WL900 e il top-case WL901 sono caratterizzate da grande leggerezza, apprezzabile non solo in sella.

Il loro design rende la linea subito riconoscibile: si differenziano da altri modelli preformati già presenti in gamma per la presenza del sistema di aggancio Monokey, che equipaggia la gamma “alta” delle valigie rigide del marchio, e ancora per le caratteristiche legate al top-case: il primo a non seguire la strada dei classici modelli rigidi e a poter estendere la sua capacità interna.

Il segreto delle Weightless sta nel materiale, l’ABS, mix di leggerezza e rigidità lavorato tramite termoformatura, che conferisce alle borse piena capacità di carico. Il design aerodinamico e le linee filanti contribuiscono a migliorare le performance, oltre a renderle particolarmente adatte a sportive e naked.

Vendute in coppia, le valigie laterali WL 900 dalla capacità interna di 25 litri cadauna, sono compatibili con i portavaligie tubolari i cui codici cominciano per PL, PLR, PLO, PLOR: hanno l’interno soft touch, la tasca in rete, gli elastici per fissare il carico e la maniglia per il trasporto a mano, con l’estetica impreziosita dalla texture diamantina del guscio esterno e dal logo su un badge a iniezione cromato silver.

Si fissano al telaietto sulla moto tramite serrature Security Lock, mentre apertura e chiusura sono affidate alla robusta zip centrale, con cursori bloccabili dal lucchetto a combinazione integrato di serie.
Il WL 901 ha la capacità di aumentare il volume interno da 29 a 34 litri, giusti per un casco modulare, grazie all’apertura della cerniera a fisarmonica, che cela un’estensione in tessuto poliestere 600D.

Compatibile con tutte le piastre Monokey, questo top-case si fissa e chiude con la stessa modalità delle laterali; da segnalare la comoda maniglia per il trasporto a mano e gli eleganti dettagli estetici. Prezzi al pubblico: WL900 299 euro; WL901, 168,99 euro.

www.givi.it

Otto accessori: Alike Expedition

blank

Il marchio Alike, fra gli otto accessori di questo articolo, presenta una giacca 3 strati top di gamma per “grandi viaggiatori”. Confortevole e protettiva, grazie ai suoi 3 strati indipendenti permette un adattamento “4 stagioni”.

Lo strato esterno, in Polystrong 600D idrorepellente, è dotato di inserti anteriori e posteriori in rete ad alta tenacità coperti da pannelli modulabili e removibili, per aumentare il passaggio dell’aria quando le temperature estive diventano elevate, con l’aerazione garantita dalle prese d’aria con zip sulle maniche.

La membrana impermeabile, barriera contro pioggia e umidità, può essere indossata sotto o sopra la giacca, mantenendo così lo strato esterno sempre asciutto.

Il piumino termico ThermoTouch entra in gioco quando il clima si fa più rigido: capace di conservare il calore corporeo durante la stagione invernale (con temperature anche di -10 gradi C°), questo strato può essere indossato anche da solo una volta scesi dalla moto, soprattutto durante le fresche serate primaverili.

Comparto sicurezza

Il comparto sicurezza prevede protezioni omologate su spalle e gomiti di Livello 2, la possibilità di inserire un paraschiena (consigliato il modello Alike Esatech Evo Liv.2- 7205/7206) e di utilizzare il kit di “Customized Panels” ad alta visibilità (da acquistare a parte), cambiando così anche il look dell’intero capo.

La vestibilità di Expedition è adattabile al busto grazie alle regolazioni con fibbie (di un bel rosso) presenti su braccio, avanbraccio, vita e fianchi. Il comfort è completato dalle numerose tasche: 4 esterne anteriori (di cui 2 waterproof) e 3 interne.

Expedition, certificata secondo la normativa prEN 17092:2018 in Classe A, costa 299 euro; è disponibile in taglie da S a 3XL nei colori Nero/Antracite e Ghiaccio/Nero/Antracite, in esclusiva presso i punti vendita Wheelup.

www.wheelup.it

Otto accessori: Elettronica Puig E.R.S.

blank

Si parla spesso di potenza ed affidabilità, ma tutto gira intorno al pilota e alla sua perfetta posizione di guida: così in Puig hanno pensato di garantire la massima protezione, anche alle alte velocità, grazie a un astuto sistema di regolazione elettronica del cupolino, l’E.R.S. Grazie a un comodo comando posto sul manubrio, il pilota può regolare in tutta sicurezza e con la massima precisione, la giusta altezza del parabrezza o del cupolino, anche in movimento.

Un accessorio utilissimo se pensiamo che spesso d’inverno si cerca la massima protezione aerodinamica. Utile per un ottimale riparo dal vento e dalla pioggia, mentre al contrario in estate si ha voglia di aria.

E’ possibile sollevare il parabrezza fino a 6 cm in più rispetto alla posizione originale, ma al tempo stesso è anche consentito un abbassamento dello stesso di 2 cm sul setting di base. Non è richiesta alcuna modifica alla moto. Il sistema E.R.S. è stato progettato per essere montato sia sull’elemento originale che sugli innovativi e performanti cupolini Puig.

A corredo del motorino elettrico e del relativo pulsante di azionamento, è fornito un pratico schema di montaggio; per chi volesse anche utili info video, sui canali ufficiali Puig sono presenti pratici e veloci tutorial che permetteranno di installare velocemente il tutto. Il sistema E.R.S. è disponibile per una vasta gamma di modelli. Si va dalle BMW F 750 GS e 850 GS fino alla potente R 1200 GS, o per la Yamaha MT-09 Tracer GT 2018.

www.racingbikeitaly.it

Batterie Poweroad e CTEK CT5 Powersport

blank

Se arriva il momento di preparare la propria moto per rimettersi in sella e affrontare le gite fuori porta: dopo mesi di stop invernale, è possibile ci siano problemi con la batteria. Intec propone soluzioni adatte a tutte le moto e per tutte le necessità, sia per chi debba solo ricaricare la batteria, sia per chi si trovi costretto a sostituirla.

Per una batteria scarica, anche profondamente, c’è CTEK CT5 Powersport, caricabatterie e mantenitore di carica automatico, facile da usare e sicuro, che ricarica le batterie e le conserva sempre efficienti. CTEK CT5 Powersport può essere utilizzato su tutte le batterie con amperaggio tra 5 e 25 Ah. Sia al piombo-acido, comprese le AGM, sia le moderne agli ioni di litio (LiFePO 4 , Li-Fe, Li-iron). Il processo viene monitorato dalle tre spie a LED che segnalano in quale fase sia la ricarica.


Quando però questa non basta, sostituire la batteria diventa inevitabile

anche per questa spiacevole situazione, Intec ha un prodotto innovativo e ancora più performante, le batterie Poweroad al litio. Leggere e potenti, resistenti e sicure, danno lo spunto giusto a tutte le moto e sono ideali per ogni esigenza, anche per le due ruote utilizzate stagionalmente. Godono infatti di un’autoscarica estremamente bassa (massimo 3% al mese) e sono quindi in grado di riavviare il motore anche dopo un lungo periodo di fermo. Rispetto agli accumulatori al piombo le Poweroad al litio presentano una vita prolungata, fino a 6 volte più duratura e pesano fino all’80% in meno.

Dotate di struttura in nylon rinforzato, sono molto compatte e allo stesso tempo resistenti alle sollecitazioni della moto. Disponibili in 12 modelli, sono fornite di pratici adattatori in gomma espansa per posizionarle e fissarle in modo sicuro nello spazio previsto.

Assicurano grande efficienza e stabilità di tensione, con capacità di supportare fino a 2.000 cicli di carica/scarica. Non hanno alcun effetto memoria, sono dotate di comodo indicatore dello stato di carica e offrono la possibilità di caricamento rapido. Il caricabatterie CTEK CT5 Powersport dotato della modalità “Lithium” è il loro compagno perfetto. Prezzi al pubblico: Caricabatterie CTEK CT5 Powersport: 98 euro 

Batterie Poweroad a partire da 92,72 euro.

www.intecsrl.it

Otto accessori: Catalogo Beta utensili moto in pdf

blank

Beta Utensili ha una gamma quasi infinita, che supera i 12.000 prodotti: la sezione dedicata ai meccanici di professione, ma anche agli utenti evoluti, limita la ricerca all’interno del segmento della moto, diventando uno strumento di consultazione indispensabile. La versione 2020 contiene gli ultimi aggiornamenti di una produzione la cui qualità è apprezzata dai tecnici delle migliori squadre corse del Motomondiale, Mondiali Superbike, Motocross ed Enduro. Sessantaquattro pagine per valutare dal punto di vista tecnico la produzione che Beta dedica alle due ruote.

Aggiornamenti

Contenitori: cassettiere portatili fino a 8 cassetti, quelle mobili (anche tipo Racing), trolley con moduli sovrapponibili, carrelli portautensili, banchi da lavoro… fino alle combinazioni di arredo per officine.

Utensili generici: gli attrezzi che non possono mancare in officina… Come le chiavi a bussola, i giravite bivalenti, le chiavi a T esagonali, gli estrattori, caccia spina. I kit di ripristino filettature (nella foto), pinze, aspiratori liquidi, pistole termiche, la vasca di lavaggio a ultrasuoni, la sabbiatrice da banco professionale.

Serraggio: attrezzi per serraggi angolari, goniometro digitale, chiavi dinamometrica a lettura digitale, a scatto con cricchetto reversibile, destrorsi e sinistrorsi; dispositivi per calibrare le chiavi.

Diagnostica: in primo piano tester per controllo pressione/depressione, pinza amperometrica, multimetro digitale, tachiometro a distanza e a contatto, termometro a infrarossi con doppio puntamento laser…

Motore: utensili ed attrezzi necessari allo smontaggio/montaggio della componentistica motoristica; olio e filtri, chiavi autoregolabili a tre bracci, chiavi auto serranti e a bussola, la vaschetta per il recupero… Impianto elettrico, caricabatterie ed avviatori di emergenza portatili.

Ciclistica: attrezzi per separare i pistoncini freno, inseritori paraoli forcella, estrazione liquidi freni, smaglia catene portatile, ruote; pistole e misuratori pressione pneumatici, giravite per valvole, leva gomme, equilibratrice statica manuale, set per serraggio raggio ruote, chiavi per dadi mozzo; cavalletti anteriori e posteriori, per cannotto di sterzo, regolabili, monobraccio. Cavalletti cross/enduro fissi e a pedale, cavalletto centrale a vite sottoculla, base mobile per cavalletto centrale o ruote posteriore moto, sollevatore moto elettroidraulico fino a 600 kg.

Sistemi per moto: morsa automatica ruota anteriore per furgoni, rampa in alluminio con portanza 200 kg, legature ad anello con cricchetto tenditore, fibbie di serraggio, catene di sicurezza, lucchetti.

La gamma Beta Utensili è distribuita da Bergamaschi

www.bergamaschi.com – info@bergamaschi.com

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fuel Style

Centro Stile Benelli, cosa succede dentro la factory del Leoncino

blank

Published

on

By

Centro Stile Benelli

Il Centro Stile è la fucina delle idee di Benelli. Dove i designer dell’azienda pesarese danno vita ai prototipi più speciali 

Il Centro Stile Benelli è un luogo dove si respira aria di moto e tutti i pensieri sono concentrati sulle due ruote. Rannicchiato a poche curve dalla fucina dei campioni delle due ruote di Tavullia, nella Pesaro dell’arte scultorea di Arnaldo Pomodoro e della musica classica di Gioacchino Rossini, il Centro Stile Benelli è attivo dal 2015. A Pesaro, da oltre un secolo, nascono le moto Benelli, che prendono vita nutrendosi di benzina e trasmettono sensazioni emozionanti a chi le guida.

Il Centro Stile Benelli svolge la sua attività cercando di raccordare nello stile e nelle forme, la lunga storia di Benelli con le necessità stilistiche e tecniche delle moto moderne.

Come e chi osa tanto?

Persone, avide consumatrici di grafite appuntita, di banali matite e brogliacci, che architettano disegni e geometrie dove trascrivere l’innovazione di Casa Benelli. Ingegneri, tecnici e designer adempiono insieme all’opera di progettazione delle moto. Lo fanno salvaguardando l’eredità di un marchio italiano, acquisito purtroppo dal colosso cinese Qjian Jiang nel 2005. Un marchio tornato prepotente negli ultimi anni protagonista del mercato, grazie ad alcuni modelli disegnati proprio nel Centro.

Perché al Centro Stile Benelli tutto nasce con il delizioso savoir faire dei designer che ci mettono passione e creatività del disegno in superfici 3D. È ciò che a realizzare un modello in scala 1:1; poi subentra l’artigianalità dell’arte di programmazione delle due ruote del futuro.

Processo creativo al Centro Stile Benelli

La scultura del prodotto, dei nuovi serbatoi, delle carenature e dei cupolini inizia modellandosi e levigandosi con il clay. Prototipi dotati di eleganza e naturalezza, fatti a mano come lo farebbe un ebanista. I dettagli delle concept-bike sono ritoccati sapientemente, passando dal virtuale al reale, perché dare vita a un mostro di potenza a combustione, richiede tanta minuziosa abilità.

Il Centro Stile Benelli, ubicato presso la sede storica della Casa del Leoncino, è composto dal team di talenti, designer che danno vita alle creazioni del marchio e che segneranno il futuro delle due ruote.

Casa del Leoncino

Fra queste mura ha preso vita la mitica gamma Leoncino e sono stati disposti anche i connotati della recentissima versione 800. Perché: «è l’individuo a fare la differenza, e non la macchina», spiega Stefano Casanova, raccontando cosa è successo nel Centro Stile per cambiare la Leoncino, ripensata quasi da cima a fondo con lo scopo di ospitare il nuovo bicilindrico frontemarcia.

Un layout inedito che ha richiesto «l’evoluzione di concetti stilistici» intravisti già nel primo modello del 2015. Nel telaio in traliccio d’acciaio si ricercava un aspetto «aggressivo e moderno», per virare su stilemi più proporzionati, meno muscolosi e più rastremati pur conservando l’aspetto classico dell’architettura. 

«Conoscere la nostra storia ci aiuta a disegnare il nostro domani – continua Stefano Casanova, responsabile del Centro Stile Benelli – Questo per noi è grande fonte di ispirazione ma anche una grande responsabilità: molte delle moto realizzate sinora sono rimaste vere icone e ci guidano nel descrivere il nuovo linguaggio estetico formale che ci porterà nel futuro».

E sulla gamma Leoncino, Stefano aggiunge: «L’obiettivo è far incontrare l’eleganza e la a-temporalità dell’età classica con la potenza e la dinamicità del mondo moderno. Questa è anche l’essenza del codice estetico di Benelli». 

Per proseguire il viaggio alla scoperta dei segreti del Centro Stile, diffonderlo e tenerci aggiornati in tempo reale sulle nuove creazioni del marchio, Benelli ha lanciato la pagina Instagram “CentroStileBenelli”, tutta dedicata al design center italiano.

Alla scatola virtuale degli instagrammer si aggiunge un video, pubblicato di recente dalla Casa pesarese, che ha conquistato il web.

I 110 anni di storia Benelli si pregiano di un patrimonio unico a cui i designer del Centro Stile attingono senza sosta. Lo fanno con il senso di responsabilità tipico di chi tratta grandi icone che hanno segnato la storia del motociclismo. Perciò il disegno del futuro di Casa Benelli non è affatto lasciato al caso. A contorno, come al solito, ci va l’esperienza dei grandi del passato.

Andrea G. Cammarata

Continue Reading

Fuel Style

Mate X, e-bike col Moncler addosso

blank

Published

on

By

Mate

La Mate X è solo una bici a pedalata assistita ma, nella sua versione più potente, è da considerarsi una sorta di moto. L’edizione limitata, realizzata in collaborazione con Moncler e lanciata tramite una campagna di crowdfunding, dispone anche di una speciale “giacca” fatta apposta per avvolgere il telaio di questa esclusiva e-bike.

Come è nata la Mate X? Con il crowdfunding, un’attività finanziaria dove il promotore di un’iniziativa imprenditoriale richiede a un pubblico indistinto denaro, anche di modesta entità.

Di solito si passa tramite una piattaforma su internet, per sostenere il progetto da finanziare. In genere, chi accetta di sostenere il progetto con le proprie microdonazioni, ha poi diritto a ottenere il bene o servizio finanziato a un prezzo inferiore a quello di mercato.

Nell’estate del 2016 i fratelli danesi Christian Adel Michael e Julie Kronstrøm Carton lanciano una campagna di crowdfunding tramite Indiegogo, con lo scopo di produrre una bicicletta a pedalata assistita. Era dotata di soluzioni innovative.

Aveva un design moderno e accattivante per niente simile a quello delle altre e-bike uscite fino a quel momento sul mercato. La campagna ha riscosso un enorme successo e le microdonanzioni per la Mate City, questo il nome del primo modello del marchio, hanno raggiunto la ragguardevole cifra di ben 8 milioni di dollari.

Due anni dopo

A luglio 2018, i due fratelli di Copenaghen hanno lanciato una nuova campagna sullo stesso sito per produrre il nuovo modello della loro e-bike, questa volta chiamata Mate X. Il successo di questa nuova campagna ha superato quello della precedente ed è arrivata a generare 18 milioni di dollari in micro-donazioni.

A febbraio 2020, durante la settimana della moda di Milano è stata presentata la prima versione speciale della Mate X, realizzata in collaborazione con il famoso marchio di moda Moncler.

Anche questo modello, denominato Mate x Moncler Genius 2020, è stato lanciato tramite una campagna di crowdfunding su Indiegogo, che, neanche a dirsi, ha raggiunto il target prefissato in pochissimo tempo e lo ha superato andando oltre le più rosee previsioni.

Sommando le cifre raccolte nelle varie campagne, il progetto di queste raffinate bici a pedalata assistita è diventato il secondo più finanziato nella storia del crowdfunding, il primo in assoluto in Europa. Con più di 20.000 bici già consegnate, Mate è attualmente anche il più grande produttore di e-bike al mondo.

Il successo della Mate

Forti di questo successo, e con la consapevolezza di essere in un settore in rapida ascesa, a luglio 2020 i due imprenditori danesi hanno lanciato una nuova campagna di finanziamento online, ma questa volta utilizzando il sito Seedrs.

Questa, a differenza di quella usata da Mate in precedenza, è una piattaforma di equity crowdfunding, ovvero una raccolta fondi che prevede quote azionarie della società come ricompensa per le donazioni.

Chi partecipa diventa quindi a tutti gli effetti un investitore della società, possedendone un pezzettino.
Tornando alla versione speciale Mate x Moncler Genius, chi ha finanziato il progetto entrerà in possesso della sua esclusiva e-bike (solo 1.000 gli esemplari prodotti per tutto il mondo) nel mese di settembre.

Prova della Mate X Moncler

Noi di Fuel abbiamo già avuto la possibilità di provarla in anteprima. E ne siamo rimasti affascinati.
Questa versione speciale in edizione limitata è disponibile in due varianti cromatiche, completamente bianca o tutta nera, e con due diverse motorizzazioni: 250W e 1000W.

Sebbene entrambe le versioni siano acquistabili in tutto il mondo, in Italia solo il modello con il motore meno potente è legale per l’uso su strade aperte al pubblico. La versione più potente, principalmente concepita per il mercato nord americano, dove è legale già così, nei paesi della comunità europea dovrebbe essere usata solo all’interno di proprietà private.

Altrimenti andrebbe omologata come ciclomotore. Pertanto necessiterebbe di essere equipaggiata con luci, indicatori di direzione, catarifrangenti, clacson e specchietti. Oltre a dover essere immatricolata e avere quindi targa e assicurazione, prima di poter circolare in strada.

Bollo?

Dopo i primi cinque anni, in Italia si pagherebbe anche il bollo. Il conducente dovrebbe poi indossare per legge anche il casco e aver conseguito una patente idonea, per condurre questa e-bike senza il rischio di incorrere in sanzioni da parte delle forze dell’ordine. Imposizione di legge o meno, l’uso del casco è comunque strettamente consigliato in ogni caso, anche con il modello meno potente, qui da noi omologato come velocipede.

La versione con il motore da un chilowatt di potenza, oltre ad essere 4 volte più potente dell’altro, dispone anche di un acceleratore, azionabile con il pollice. E’ ciò rende questo mezzo concettualmente più simile a una moto che a una bici.

In questo caso non vi è più solo l’assistenza alla pedalata, come previsto dal nostro Codice della Strada per i “velocipedi”, ma il motore può entrare in funzione anche quando non si pedala, come accade su quelli che il Codice identifica come “ciclomotori” o “motocicli”.

Entrambi i modelli, prestazioni del motore a parte, sono comunque molto divertenti da guidare e danno grandi soddisfazioni, sia su strada sia in fuoristrada. Inizialmente nata per la città, con il modello City dotato di ruote strette, l’e-bike Mate si è poi evoluta nella versione X, da cui la versione speciale Moncler Genius 2020 deriva.

Quest’ultima dispone di pneumatici da 4 pollici di larghezza e 20 pollici di diametro. Perfetti per cavarsela bene anche sul pavé, sullo sterrato e persino sulla neve.

Moncler

Non è un caso quindi che sia stata proprio Moncler, famosa per i suoi piumini da neve, a essere stata scelta da Mate come prima azienda con cui collaborare per sviluppare una edizione speciale. Ma una bici elettrica sulla neve avrebbe però potuto avere qualche problema… come si sa, le batterie attuali sono sensibili al freddo: la loro autonomia diminuisce man mano che cala la temperatura.

Per ovviare a questo inconveniente e permetterle di non avere fastidi quando la si trasporta sulla neve, è stata realizzata una apposita giacca in piuma d’oca da agganciare intorno al telaio della bici, in corrispondenza della batteria, in modo da tenerla al caldo finché non la si usa.

Una volta accesa, non c’è più bisogno della giacca… anzi, è consigliabile toglierla perché la batteria produce già da sé del calore e quindi vi è il problema contrario, ovvero quello del raffreddamento.

Ma il bello viene adesso perché la giacca, una volta tolta dalla bici, in poche mosse può trasformarsi in una mantellina per il suo pilota. Questa speciale giacca/mantellina è un piumino Moncler a tutti gli effetti.

Materiali di pregio

È stato infatti realizzato utilizzando i materiali tecnici che hanno reso famosa questa azienda e che ormai la contraddistinguono: microfibra con laccatura in nylon per lo strato esterno e piuma d’oca per l’imbottitura interna.

Come tutte le Mate, anche la versione Moncler Genius 2020 è pieghevole. Ciò le permette di essere caricata in auto velocemente e senza la necessità di dover smontare alcun pezzo.

Però non di essere trasportata a mano così agevolmente, come si farebbe ad esempio con una Brompton. La Mate infatti non è così compatta ed è anche circa 3 volte più pesante. Ovviamente questi sono anche pregi, considerando che, d’altro canto, è dotata di prestazioni quasi da moto.

La robustezza in questo caso è sicuramente un valore aggiunto e le permette di trasmettere al pilota una sensazione di maggiore stabilità, rispetto a quella percepita su molte altre e-bike presenti sul mercato. Anche il fronte sicurezza è ben dotato, con sospensioni e freni a disco a comando idraulico degni di uno scooter.

Questa e-bike è inoltre dotata di un ampio display a colori, anche se  purtroppo non è touch-screen: lo si comanda esclusivamente tramite i tasti presenti sulla sinistra del manubrio.

In compenso lo schermo dispone di una comoda presa USB in grado di ricaricare uno smartphone. Nel complesso questa e-bike ci è molto piaciuta e siamo sicuri che presto rappresenterà un punto di riferimento per l’intero settore. A ben guardare già adesso ha i suoi primi cloni… essere copiati è sinonimo di successo, no?  

Continue Reading

Fuel Style

Accessori: Benelli Imperiale con le borse da viaggio

blank

Published

on

By

Benelli Imperiale

Per la Benelli Imperiale sono tre le opzioni disponibili per aumentare la capacità di stivaggio, tutte proposte direttamente dalla Casa e disponibili presso la rete vendita Benelli

blank

Benelli Imperiale. Borse in canvas in colorazione verde militare o grigio 

329 euro

Per la Benelli imperiale c’è la coppia di valigie laterali in Made in Italy, con trattamento speciale del tessuto che le rende resistenti all’acqua. Queste morbide borse, che presentano il logo Benelli nella parte frontale, possono essere montate, con gli appositi telaietti, oltre che sulla Imperiale 400 anche sulla Leoncino 500 e 500 Trail. Una comoda tasca con zip, cinturini in pelle e fibbie con effetto anticato, le rendono davvero uniche. 

blank

Borse rigide in pelle e similpelle, in colorazione nera

349 euro

La coppia di valigie, sempre realizzata in Italia, impermeabili e con impresso il logo Benelli

Telaietti

119  euro

Di facile montaggio, possono essere utilizzati per supportare le borse in pelle, quelle in similpelle e le versioni in canvas. 

Scheda tecnica Benelli Imperiale 400

MOTORE: Cilindrata 374 cc – Tempi 4 – Cilindri 1 – Raffreddamento ad aria singolo asse a camme in testa SOHC double spark– Avviamento elettrico – Alimentazione iniezione elettronica con corpo farfallato diam. 37 mm – Alesaggio e corsa 72,7×90 mm – Potenza 21 CV (15,5 kw) a 5.500 giri/min – Coppia 29 NM a 4.500 giri/min – Omologazione Euro 4 Cambio Meccanico a 5 marce – Capacità serbatoio carburante 12 litri di cui 2 per la riserva Trasmissione finale a catena – Lubrificazione forzata a carter umido – Impianto di scarico catalizzato con sonda Lambda

CICLISTICA: Sospensione anteriore forcella telescopica idraulica con steli 41 mm  

Sospensione posteriore forcellone oscillante con doppio ammortizzatore. Freno anteriore a disco da 300mm doppio pistoncino e ABS – Freno posteriore a disco da 240mm singolo pistoncino e ABS – Pneumatico anteriore 100/90 r19 – Pneumatico posteriore 130/80 r18

MISURE: Lunghezza 2.170 mm. Larghezza (senza specchietti) 820 mm. Altezza 1.120 mm Altezza sella 780 mm. Peso 205 kg in ordine di marcia. Altezza da terra 170 mm. Interasse 1.440 mm
Costruttore: Benelli Q.J. S.r.l. – Strada della Fornace Vecchia, 61122 Pesaro (PU) – Italia  tel-.0721 41871. Info: support@benelli.com  https://italy.benelli.com

Continue Reading

Trending