fbpx
Connect with us

Rivista

Gli Accessori Originali per Softail Sport Glide

blank

Published

on

Harley-davidson Softail sport Glide

La Harley-Davidson Sport Glide Softail, l’abbiamo provata su strada per Voi e trovate il test qui. Ma quali sono gli accessori originali da aggiungere? Vediamoli di seguito.

 

Softail Sport Glide: COPERCHIO DI ACCESSO FRIZIONE, IN NERO LUCIDO

€ 59,82 + iva

Softail sport Glide

PARABREZZA LIGHT SMOKE 5,5’’ SPORT GLIDE – FUMÉ CHIARO 5,5’’

Prezzo suggerito: € 168,67 + iva

Softail sport Glide

SELLA SUNDOWNER

€ 380,94 + iva

blank

RUOTA CUSTOM ANNIHILATOR – GRAFITE, ANTERIORE DA 18”

€ 625,86 +iva

blank

FILTRO DELL’ARIA SCREAMIN’ EAGLE HEAVY BREATHER PERFORMANCE – MOTORE MILWAUKEE-EIGHT

prezzo € 435,37 + iva

Harley-davidson Softail sport Glide

 

BAULETTO TOUR-PAK – VINILE LISCIO

€ 734,72 + iva

blank

MARMITTA SCREAMIN EAGLE STREET CANNON MODELLI SPORT GLIDE – CROMATO – ECE

€ 555,11 + iva

blank

SELLA MONOPOSTO BEVEL

€ 435,37 + iva

blank

Harley-Davidson Softail Sport Glide

Categoria: Custom –  Prezzo: da 18.900 euro

MOTORE: cilindrata 1.745 cc – Tempi 4 – Cilindri 2 – Configurazione cilindria V di 45° – Raffreddamento ad aria – Avviamento elettrico – Alimentazione iniezione elettronica – Alesaggio e corsa 100×111,1 mm – Numero valvole 4 – Rapporto di compresione 10,0:1 – Distribuzione bialbero – Potenza 83 CV – Coppia 145 Nm a 3.250 giri/min – Omologazione Euro 4 –  Cambio meccanico a 6 marce – Capacità serbatoio carburante 18,9 litri – Trasmissione finale a cinghia dentata

CICLISTICA: telaio in acciaio – Sospensione anteriore forcella telescopica idraulica  a steli rovesciati – Sospensione posteriore forcellone  con ammortizzatore regolabile – Freno anteriore a disco con pinza a 4 pistoncini – Freno posteriore a disco con pinza a 2 pistoncini – Ruota anteriore cerchio da 18” – Ruota posteriore cerchio da 16” – Pneumatico anteriore 130/70B18 63H BW – Pneumatico posteriore 180/70B16 77H BW

MISURE: lunghezza 2.325 mm – Larghezza n.d. – Altezza n.d. – Altezza minima da terra 120  mm – Altezza sella 680  mm – Interasse 1.625 mm – Avancorsa 150 mm – Peso a secco 304 kg – Peso in ordine di marcia 317 kg

Importatore: Harley-Davidson Italia S.R.L.

Via Giorgio Stephenson, 73 – 20157 Milano (MI)

hdicustomercare@harley-davidson.com  – www.harley-davidson.com/it/it/index.html

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Ducati: su Hypermotard arriva la livrea “graffiti” e upgrade

blank

Published

on

By

Hypermotard 950

Casa Ducati apporta importanti migliorie nell’elettronica della Hypermotard 950 che nella versione RVE ora si arricchisce della livrea “Graffiti”

La Hypermotard 950, fun-bike per eccellenza della gamma Ducati, progettata per garantire alto livello di divertimento e di controllo durante la guida. Fra le novità: nella versione RVE ha la speciale livrea “Graffiti”, ispirata all’Hypermotard 950 Concept presentata nel 2019 al Concorso d’Eleganza Villa d’Este.

Non solo grafica, ma anche upgrade dell’equipaggiamento di serie.

Il pacchetto elettronico si arricchisce del Ducati Quick Shift (DQS) Up and Down EVO, che si aggiunge alle componenti già presenti nella versione standard, ovvero l’ABS Cornering Bosch con funzione Slide by Brake (nel settaggio 1), il Ducati Traction Control (DTC) EVO e il Ducati Wheelie Control (DWC) EVO.

Spinta dal bicilindrico Testastretta 11° da 937 cc, che con i suoi 114 CV a 9.000 giri/minuto e una coppia di 9,8 kgm, di cui più dell’80 percento disponibili già a 3.000 giri. È l’ideale per offrire il massimo del divertimento sia nella guida sportiva in pista o sulle strade ricche di curve. Ma si comporta benissimo anche nella guida di tutti giorni sui tratti urbani, la RVE è già disponibile presso la rete commerciale Ducati.

Al vertice della gamma Hypermotard 950 si conferma la Hypermotard 950 SP con grafica racing e sospensioni Öhlins a corsa maggiorata, cerchi forgiati Marchesini e Ducati Quick Shift (DQS) Up and Down EVO.

Continue Reading

News

L’ASI compra (e salva) la collezione Morbidelli

blank

Published

on

By

Morbidelli

L’ASI (Automotoclub Storico Italiano) ha rilevato 71 esemplari della preziosa Collezione Morbidelli

Scongiurando la dispersione di un patrimonio che rappresenta l’evoluzione della moto dalle origini agli anni ’50 del 1900, l’ASI ha rilevato decine di esemplari della Collezione Morbidelli. La maggior parte delle moto, infatti, era già stata affidata a Bonhams e portata in Inghilterra per essere venduta all’asta di Bicester. 

ASI è riuscita ad acquistare il nucleo originario della Collezione dopo l’intervento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Intervento provvidenziale che ha bloccato l’esportazione dei pezzi con più di 75 anni.

Anche il Comune di Pesaro ha avuto un ruolo fondamentale nella vicenda. Metterà infatti a disposizione una sede prestigiosa affinché la Collezione possa tornare a essere visitabile.

30 i marchi nella Collezione Morbidelli

Le moto salvate da ASI rappresentano 30 differenti marchi di tutto il mondo. La più datata è una rarissima Moto Rêve 275 del 1907. La più preziosa è senza dubbio la Benelli GP 4 250 Competizione del 1942: unico esemplare esistente al mondo progettato dalla Casa motociclistica pesarese, oggi valutato più di mezzo milione di euro. E sempre del territorio marchigiano, va citata la Benelli GP 175 utilizzata nel 1934 dal pilota iridato Dorino Serafini, di origini pesaresi come il campionissimo Valentino Rossi.

La lista delle motociclette acquisite da ASI è frutto della passione e della lungimiranza di Giancarlo Morbidelli, figura di spicco nel panorama motociclistico italiano. Morbidelli è scomparso lo scorso febbraio dopo una vita passata ad inseguire il suo sogno a due ruote.

Nato a Pesaro nel 1934, Morbidelli, genio della meccanica, brillante imprenditore, leggenda del motociclismo, negli anni 70 vince otto titoli mondiali nelle classi 125 e 250. Nel 2000 inaugurò il suo incredibile museo dedicato alla storia, all’evoluzione tecnica e alle competizioni motociclistiche.

Continue Reading

Fuel People

Il centenario (desmodromico) dell’Ingegner Fabio Taglioni

blank

Published

on

By

Taglioni

“Padre” del sistema desmodromico e progettista di numerose moto rivoluzionarie, Taglioni ha collaborato con Ducati dal 1954 al 1984

In occasione dei 100 anni dalla nascita di Taglioni, la Casa bolognese, Ducati, celebra la memoria dell’ingegnere romagnolo, autore di tanti progetti diventati di culto, primo tra tutti il sistema di distribuzione desmodromico, con cui Taglioni ha legato per sempre il proprio nome alla storia di successi della Casa di Borgo Panigale.

Entrato in Ducati come Direttore Tecnico nel 1954, dopo soli 40 giorni Taglioni crea il suo primo portento. Era la Gran Sport 100, nota anche come “Marianna”, capace di imporsi fin da subito nelle Gran Fondo italiane.

Taglioni ingegner

Taglioni e la 125 GP Desmo

La prima moto equipaggiata con il sistema desmodromico è la 125 GP Desmo, che vince un Gran Premio un mese dopo il debutto e si afferma come la 125 più veloce al mondo.

Dopo aver contribuito a rendere Ducati un marchio internazionale, Taglioni si dedica a preparare il ritorno di Ducati nelle gare, avvenuto nel 1971 con la 500 GP e nel 1972 con il debutto della 750 GT, prima bicilindrica di serie nella storia di Borgo Panigale, spinta da un motore longitudinale di 90°.

La 750 Imola (derivata di serie della GT) esordisce a tempo di record alla 200 miglia di Imola e di fronte a 85.000 spettatori realizza una delle più grandi imprese della storia del motociclismo, con Paul Smart e Bruno Spaggiari che tagliano il traguardo davanti a tutti.

Fino al termine della sua carriera Taglioni prosegue nell’innovazione e nella sperimentazione in ambito racing, mettendo la sua firma su progetti come la Pantah 500 e la 750 F1. Sul sito e sul canale YouTube di Ducati, la miniserie “Fabio Taglioni – A Life of Passion” racconta la storia dell’ingegnere romagnolo, corredata da immagini e video esclusivi.

Continue Reading

Trending