fbpx
Connect with us

Rivista

CARBURANTE LONDINESE. LA MOTO GUZZI TOMOTO FIRMATA TOM DIXON

Published

on

LA MOTO GUZZI TOMOTO V7 CUSTOMIZZATA DA TOM DIXON E CELEBRATA PRESSO IL COAL OFFICE, L’HUB CREATIVO DEL CELEBRE DESIGNER NEL CUORE DI LONDRA

L’unione tra tecnologia e pregiata manifattura italiana, tratto distintivo di Moto Guzzi, è stata celebrata durante l’evento multisensoriale “Touchy Smelly Feely Noisy Tasty”. Evento ospitato nel 2019 presso il Coal Office, quartier generale londinese del celebre designer britannico Tom Dixon, rider appassionato di Moto Guzzi.

Fra le star della serata c’era la Moto Guzzi V7 Tomoto, firmata da Dixon

Pezzo unico e irripetibile, nonché mix di arte motociclistica e design industriale; scintillante anche la Moto Guzzi V85 TT, grande viaggiatrice e ultima nata del brand dell’Aquila.

Ti potrebbe interessare: Moto Guzzi Open House 2019

Le due moto hanno visto la luce dell’innovativo hub creativo in Bagley Walk a Londra, nel cuore del polo del design londinese di King’s Cross.

La Moto Guzzi Tomoto è nata da una particolare interpretazione stilistica di Moto Guzzi V7, uno dei modelli più celebri e conosciuti di Moto Guzzi, bestseller della casa italiana.

Moto Guzzi Tomoto
All Right Reserved

Si tratta di una versione speciale realizzata in un esemplare unico

È firmata – letteralmente – da Tom Dixon, il logo è infatti dipinto a mano dal designer in un vivace rosa shocking.

V7 Tomoto unisce la migliore tecnologia Moto Guzzi a un design unico che trova le sue radici nelle realizzazioni in alluminio grezzo.

Soprattutto nei cerchioni intagliati a laser che riproducono un originale pattern grafico-geometrico nel faro anteriore ispirato alla lampada Fin Obround, creazione di Dixon del 2012.

Redazione Fuel Magazine

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rivista

Luce sulla moto: la fotografia di Stefano Gadda

Published

on

Stefano Gadda

Di sé, Stefano Gadda, ama dire che è “venuto alla luce” nel 1963.

Una definizione più che corretta per un fotografo, che fa della luce il suo strumento di lavoro principale, prima ancora della macchina fotografica. Lui è Stefano Gadda, uno tra i maggiori specialisti in campo motociclistico.

Tra le sue collaborazioni più vantare uno stretto rapporto con Harley-Davidson.

Sue sono le immagini scattate ai lanci nazionali e mondiali, e quelle di molti cataloghi ufficiali della Casa americana.

Stefano Gadda

La passione è iniziata presto, grazie all’influenza del padre, che gli ha trasmesso la curiosità, la voglia di sperimentare, di conoscere nuove culture.

Dopo avere appurato che il disegno non era la sua vocazione, già all’età di otto anni ricevette in dono la prima fotocamera, una Ferrania 3M Veramatic verde e rosa, che ancora custodisce gelosamente nel suo studio.

Il passaggio a macchine reflex ha segnato per lui una tappa obbligata e importante nel reportage di viaggio e sportivo, prima come appassionato foto-amatore, poi come professionista già a metà anni Ottanta.

Stefano ha studiato a San Diego e, una volta rientrato a Varese, ha iniziato ad ampliare il campo d’azione, dal reportage alla moda, dall’architettura ai viaggi, collaborando con grandi aziende, come Nikon e Garmin.

Oggi, dopo più di 25 anni di attività, sente che il divertimento e la curiosità sono ancora il motore della sua passione.

Esattamente come quando era bambino, e ciò si percepisce in molti dei suoi scatti selezionati nel nostro portfolio.

«Sono estremamente convinto che per riuscire bene in un settore, devi conoscerlo a fondo – sono le parole di Stefano Gadda – sia tecnicamente (per non fare errori di racconto di quanto stai fotografando), sia esteticamente (per renderlo al meglio). Faccio un esempio… a me non piace il calcio! Ho provato più volte a fotografarlo eppure, nonostante la tecnica non mi manchi, non riesco a ottenere niente che mi soddisfi! Non mi piace, non lo conosco, non mi viene… Magari è un mio limite!»

Stefano è consapevole del fatto che ogni foto sia frutto della frazione creativa di un attimo, un colpo d’occhio su un momento di vita offerto lì, e solo in quel determinato momento.

L’abilità del fotografo sta nel coglierlo istintivamente, poiché quando te ne accorgi, è già andato via, non c’è più!

Una visione perfettamente allineata con quella del celebre fotografo Henri Cartier-Bresson: «Fotografare è riconoscere nello stesso istante, in una frazione di secondo, un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento. È porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere».

Continue Reading

Rivista

Special Yes, ma senza marce

Published

on

Special Senza Marce

TEMPO FA ABBIAMO SEGUITO MOLTO DA VICINO IL CONTEST INDETTO DALLA PAGINA FACEBOOK “SPECIAL SENZA MARCE”, COMMUNITY IDEATA E CONDOTTA DA MARCELLO PARIMBELLI. UN CONCORSO VIRTUALE, IL SUO, CHE HA COINVOLTO APPASSIONATI DI MOPED E SCOOTER TRUCCATI DAI QUATTRO ANGOLI DEL PIANETA

I numeri gli danno ragione: con circa 22.000 follower attivi sulla pagina Special Senza Marce, l’appassionato del mondo Special, Marcello Parimbelli, ha pensato bene di richiamare a sé uno stuolo di cultori di Moped e scooter modificati, e per tutta risposta a centinaia si sono candidati inviando foto, descrizioni, storie.

Special Senza Marce

Quindi tutti mezzi di Special ma Senza Marce, pervenuti dai quattro angoli della terra, tra i quali alcuni esemplari davvero ben realizzati e sottoposti a modifiche radicali, degni di motociclette e customizer di alto rango.

Perciò il compito di selezionarne solo 20 è toccato a una giuria d’eccellenza composta da esperti del settore automotive.

Tra loro Sara Fiandri, firma autorevole di Cosmopolitan Italia, Orazio Marco Scamporrino, frontman del magazine online Rocket Garage. Presenti anche Giorgio Pellegrino, noto customizzatore e titolare dell’officina Greaser Garage e Oberdan Bezzi, designer di fama internazionale.

Moped

In seguito, è toccato ai follower della pagina il compito di definire la classifica finale attraverso i like (più di 7.000), decretando le realizzazioni di successo. 

A spuntarla su tutti è stato il francese Laurent Bonal, con il suo Motobecane radicalmente modificato. Alle sue spalle, il Piaggio Grillo dell’italiano Giuseppe Pastore, seguito a ruota dall’Honda Supercub trasformato dal customizer tailandese K-Speed. 

Fuel Magazine era tra gli sponsor del contest Special Senza Marce, e ha premiato con un abbonamento il piazzamento di Gianluca Giardina e Liliana Oliosi. 

I giudici di Special Senza Marce

Gli altri moped di Special Senza Marce

Continue Reading

Fuel People

Anima & Moto con Marcello Carucci

Published

on

Andare nel Sud del Marocco… passando da Capo Nord! L’immagine che meglio descrive il rider Marcello Carucci, sintesi del suo viaggio 2018 in condizioni estreme. Abnegazione, coraggio, passione smisurata, disciplina ferrea e un bel paio di baffoni sono i suoi tratti distintivi

Marcello Carucci, with African People

I personaggi che amano la moto e il viaggiare su due ruote è pieno il mondo, ma se dovessimo stilare una classifica dei più tosti – e soprattutto dei più sinceri e puri di spirito – Marcello Carucci occuperebbe esclusivamente le posizioni di vertice.

Quello che per gli altri rider, ancora classificabili come umani, è già un viaggio impegnativo, per lui diventa una “sgambata” di mezza stagione.

La scorsa primavera, in pochi giorni, ha raggiunto i confini est della Turchia, così, per restare in allenamento.

Un extraterrestre delle due ruote, vocato da un fuoco sacro che arde come lava nella brama di raggiungere le località più lontane. Sempre via terra ovviamente. E talvolta con la moto meno adatta.

Marcello Carucci,

L’iconica meta di Dakar, capitale del Senegal, sogno di tutti i motociclisti che sono cresciuti nei decenni passati a benzina e immagini dei duelli sulle dune della mitica Parigi-Dakar, raggiunta con una pesante e stradalissima Haybusa. Ciò, lo fece conoscere al grande pubblico degli appassionati. Ma la sua passione veniva da lontano, ogni fazzoletto d’Europa era già stato raggiunto da Marcello, Islanda compresa.

Si spinse poi negli anni Novanta e primi Duemila verso Est e verso Sud, raggiungendo mete asiatiche ed africane, difficili per le strade, la distanza ma anche per le situazioni geopolitiche.

Quando anche Iran, Georgia, Trasnitria, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan, Mauritania, giusto per citare qualche paese tra quelli visitati, gli sembrarono troppo a portata di ruote, decise di fare il grande balzo che l’ha portato agli onori della cronaca motociclistica.

Un primo viaggio per prendere le misure alla volta di Ulan Baatar, capitale della Mongolia, nel 2010, per poi proseguire sempre nella grande Asia visitando praticamente tutti gli stati, esclusa Cina e Sud-est.

Marcello Carucci, nel deserto

Il 2017 lo vide protagonista del viaggio della vita, da Roma fino in Giappone e Corea, 36.000 km in due mesi di avventure tra le steppe della Russia e con la visita finale alla sede della Honda dove fu ricevuto con tutti gli onori.

Definire un solo macinare chilometri la passione di Marcello Carucci sarebbe però riduttivo.

La sua è fame di conoscenza allo stato puro, desiderio smisurato di confrontarsi con il mondo e con la “base” delle popolazioni.

Ricordandosi anche di caricare la moto con un po’ di gadget da distribuire ai bambini che lo circondano ogni volta che si ferma.

Marcello Carucci, with African people

Lontano anni luce da comode destinazioni turistiche che di avventuroso hanno solo la latitudine ma gli spaghetti compresi nel “tutto incluso”, immerso invece sempre tra la gente del posto e i motociclisti locali.

Persone con cui riesce costantemente a stabilire un contatto aperto, schietto, come si usava anche da noi quando l’immagine da motociclista da aperitivo non contava più della passione.

Nonostante parli solo l’italiano,  comunicare per lui è facile. E su come faccia in posti così lontani dalla nostra cultura resta un piccolo mistero, ma sappiamo bene che la moto, un sorriso e i modi gentili aprono tutte le porte in ogni angolo del mondo.

In tempi di Social, Marcello è ben conosciuto da tantissimi motociclisti, specie quelli del Nord Africa che lo hanno eletto a loro beniamino. Ed è facile trovare uno dei suoi adesivi lungo i cartelli che portano a Tamanrasset, nel sud del deserto algerino o lungo le strade per Touzer in Tunisia.

Un modo di viaggiare mai facile, pronto ad accettare le sfide che arrivano giorno per giorno, con i rischi del caso.

Dall’impossibilità di trovare un giaciglio o un pasto decenti, una sorta di mero riscaldamento per Marcello, rotto a tutte le esperienze, pronto a dormire su una panchina o a terra nel retro di un distributore di benzina cucinandosi con il fornello da campeggio. Chiese e moschee comprese, senza contare gli scarafaggi che hanno invaso il suo sacco a pelo in altre sistemazioni di fortuna.

Marcello Carucci, in Algeria

Per finire con i momenti in cui la sua vita è stata realmente in pericolo, tra agguati di predoni armati che volevano rapinarlo, di notte nella steppa sovietica, guerriglieri in Africa, e con l’esperienza estrema di restare senza benzina in Mauritania, mentre puntava su Dakar nel 2005.

Trentasei ore senza nessuno che passasse sulla pista, con una sola borraccia d’acqua e temperature diurne fino a 50 gradi. Una prova estrema tra allucinazioni e pensieri di morte che gli trapanarono la mente come lance dolorose, restando per sempre impressi sulla sua pelle come tatuaggi indelebili.

Chi è Marcello Carucci

Professore di educazione fisica, esperto di arti marziali e atleticamente sempre in forma. Marcello coniuga la passione dei viaggi in moto con una preparazione fisica maniacale ed una alimentazione sempre ben controllata.

Non potrebbe essere altrimenti, per resistere a viaggi che sfiancherebbero chiunque, con tappe anche di 1.500/2.000 chilometri in un giorno. Dove le strade lo consentono, con brevi soste per riposarsi su un prato o una panchina di cemento.

A parte pochissime parentesi, ha viaggiato sempre in solitaria, con coraggio e ferrea determinazione.

Tante le moto usate da Marcello negli anni: Suzuki Hayabusa, Kawasaki ZXR 1200, Yamaha Thunderace ed FJR 1200. Prima della conversione ad Honda, di cui ha guidato una CBR 1000 F, una CBX 750, una Crosstourer, un X-Adv e, più recentemente l’Africa Twin.

Oltre che sui Social, dove ha raggiunto numeri davvero importanti, è facile conoscerlo ai saloni del settore, dove incontra con piacere i suoi tantissimi fan e sempre con una parola buona e un consiglio per tutti.

Alessandro Cortellessa

Continue Reading

Trending

LIFE EDIZIONI SRL Via Matteotti, 13 20841 Carate Brianza (MB) P.I./C.F. 08492360964 | Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, il 10/06/2019 N° AGCOM/ROC: 24245 Copyright © 2019 FUEL MAGAZINE.IT