fbpx
Connect with us

News

Accessori selezionati moto: cupolini BMW e stivali TCX Rush

blank

Published

on

accessori selezionati

Ecco due accessori selezionati da Fuel fra cui i cupolini per BMW S1000XR e gli stivali TCX Rush 2

Fra gli accessori selezionati da Fuel, la Rush 2 di TCX è la scarpa da moto evoluzione del modello Rush con caratteristiche ottimizzate, per quanto riguarda, sensibilità, comfort di guida in tutte le stagioni e look. Pensata per i motociclisti che cercano una calzatura sportiva da utilizzare nel quotidiano e nelle uscite più impegnative del weekend, la tomaia è in morbida microfibra, e presenta micro iniezioni e loghi in evidenza che donano un aspetto accattivante. Mentre nella zona della caviglia è presente una giunzione flessibile che favorisce la mobilità nella guida e nella camminata.

Rush 2 (certificata CE secondo la normativa EN 13634:2017) è disponibile in due versioni: Waterproof, con membrana T-Dry resistente all’acqua e disponibile nelle varianti colore nero e grigio/ giallo fluo, ed Air, con tomaia perforata, e mesh traspirante Air-Tech su lingua e fodera per una maggiore aerazione, disponibile nei colori gun metal e grigio/rosso. La chiusura ad allacciatura classica si completa con una banda in velcro; nelle aree più vulnerabili, come punta, tallone e malleoli sono presenti rinforzi.

Info: www.tcxboots.com

Cupolini per BMW S1000XR

MRA, noto specialista tedesco per parabrezza per moto, presenta la linea di cupolini dedicata alla BMW S1000XR modello 2020.

Tre le varianti dei cupolini proposti: TM, più protettivo dell’originale, dimensione 440×400 mm, disponibile in trasparente, fumé e nero, prezzo 86,47 euro + IVA; VTM, più protettivo dell’originale, da 475×400 mm, con spoiler orientabile, disponibile in trasparente e fumé.

Prezzo di listino 122,61 euro +i IVA; e VXCM, con spoiler orientabile più esteso a 3 supporti, dimensioni 545×400 mm, disponibile trasparente e fumé a 172,18 euro + IVA. Tutti i prodotti MRA (marchio distribuito in Italia da Faster96) sono certificati ABE, corrispondente all’omologazione del Ministero dei Trasporti Tedesco.

Info: www.faster96.com

Continue Reading

News

Ducati: su Hypermotard arriva la livrea “graffiti” e upgrade

blank

Published

on

By

Hypermotard 950

Casa Ducati apporta importanti migliorie nell’elettronica della Hypermotard 950 che nella versione RVE ora si arricchisce della livrea “Graffiti”

La Hypermotard 950, fun-bike per eccellenza della gamma Ducati, progettata per garantire alto livello di divertimento e di controllo durante la guida. Fra le novità: nella versione RVE ha la speciale livrea “Graffiti”, ispirata all’Hypermotard 950 Concept presentata nel 2019 al Concorso d’Eleganza Villa d’Este.

Non solo grafica, ma anche upgrade dell’equipaggiamento di serie.

Il pacchetto elettronico si arricchisce del Ducati Quick Shift (DQS) Up and Down EVO, che si aggiunge alle componenti già presenti nella versione standard, ovvero l’ABS Cornering Bosch con funzione Slide by Brake (nel settaggio 1), il Ducati Traction Control (DTC) EVO e il Ducati Wheelie Control (DWC) EVO.

Spinta dal bicilindrico Testastretta 11° da 937 cc, che con i suoi 114 CV a 9.000 giri/minuto e una coppia di 9,8 kgm, di cui più dell’80 percento disponibili già a 3.000 giri. È l’ideale per offrire il massimo del divertimento sia nella guida sportiva in pista o sulle strade ricche di curve. Ma si comporta benissimo anche nella guida di tutti giorni sui tratti urbani, la RVE è già disponibile presso la rete commerciale Ducati.

Al vertice della gamma Hypermotard 950 si conferma la Hypermotard 950 SP con grafica racing e sospensioni Öhlins a corsa maggiorata, cerchi forgiati Marchesini e Ducati Quick Shift (DQS) Up and Down EVO.

Continue Reading

News

La frizione Smart Clutch di MV Agusta che si stacca “da sola” su Dragster e Brutale

blank

Published

on

By

frizione Smart Clutch

Fra le novità: MV Agusta mette la frizione Smart Clutch anche sulla Brutale e la Dragster 800 RR

Già impiegata su Turismo Veloce 800 Lusso e 800 RC , la trasmissione SCS con frizione Smart Clutch System arriva anche su Brutale e Dragster 800 RR. La particolare frizione consente cambiate e scalate tradizionali servendosi del comando a pedale assistito dal quickshift bidirezionale EAS 2.1.

Sviluppata da MV Agusta in collaborazione con Rekluse, la frizione Smart Clutch si disinnesta da sola a moto ferma. Quindi non è necessario tirare la leva della frizione mentre ci si sta fermando e il sistema permette di ripartire senza doverla utilizzare.

Il motore tre cilindri di 798 cc con albero motore controrotante e cambio estraibile sviluppa 140 CV a 12.300 giri e 8,87 kgm di coppia massima a 10.100 giri.

La gestione elettronica, con MVICS 2.0 e centralina di controllo motore Eldor, offre quattro mappe di controllo di coppia, tre predefinite e una utente. Il controllo di trazione, ulteriormente affinato, prevede otto livelli di intervento, facilmente configurabili. Fa parte della dotazione di serie l’ABS Bosch 9 Plus (non cornering) di ultima generazione.

Il telaio a traliccio in tubi di acciaio ALS con piastre attacco forcellone in lega di alluminio è completato dal forcellone monobraccio che, sulla Dragster, ospita il pneumatico 200/50 montato sul cerchio a raggi con canale da 6 pollici (180/55 sulla Brutale, cerchio a razze 5.50”).

L’impianto frenante è con doppio disco anteriore di 320 mm e pinze a quattro pistoncini con fissaggio radiale. Disco posteriore di 220 mm e pinza a due pistoncini.

Per la Brutale 800 RR SCS si dichiara un peso di 175 kg a secco, che diventano 168 per la Dragster 800 RR SCS. Brutale 800 RR SCS (in listino a partire da 16.990 euro) e Dragster 800 RR SCS (in vendita da 19.490 euro) si avvalgono della stessa dotazione tecnica delle versioni standard.

Continue Reading

News

L’ASI compra (e salva) la collezione Morbidelli

blank

Published

on

By

Morbidelli

L’ASI (Automotoclub Storico Italiano) ha rilevato 71 esemplari della preziosa Collezione Morbidelli

Scongiurando la dispersione di un patrimonio che rappresenta l’evoluzione della moto dalle origini agli anni ’50 del 1900, l’ASI ha rilevato decine di esemplari della Collezione Morbidelli. La maggior parte delle moto, infatti, era già stata affidata a Bonhams e portata in Inghilterra per essere venduta all’asta di Bicester. 

ASI è riuscita ad acquistare il nucleo originario della Collezione dopo l’intervento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Intervento provvidenziale che ha bloccato l’esportazione dei pezzi con più di 75 anni.

Anche il Comune di Pesaro ha avuto un ruolo fondamentale nella vicenda. Metterà infatti a disposizione una sede prestigiosa affinché la Collezione possa tornare a essere visitabile.

30 i marchi nella Collezione Morbidelli

Le moto salvate da ASI rappresentano 30 differenti marchi di tutto il mondo. La più datata è una rarissima Moto Rêve 275 del 1907. La più preziosa è senza dubbio la Benelli GP 4 250 Competizione del 1942: unico esemplare esistente al mondo progettato dalla Casa motociclistica pesarese, oggi valutato più di mezzo milione di euro. E sempre del territorio marchigiano, va citata la Benelli GP 175 utilizzata nel 1934 dal pilota iridato Dorino Serafini, di origini pesaresi come il campionissimo Valentino Rossi.

La lista delle motociclette acquisite da ASI è frutto della passione e della lungimiranza di Giancarlo Morbidelli, figura di spicco nel panorama motociclistico italiano. Morbidelli è scomparso lo scorso febbraio dopo una vita passata ad inseguire il suo sogno a due ruote.

Nato a Pesaro nel 1934, Morbidelli, genio della meccanica, brillante imprenditore, leggenda del motociclismo, negli anni 70 vince otto titoli mondiali nelle classi 125 e 250. Nel 2000 inaugurò il suo incredibile museo dedicato alla storia, all’evoluzione tecnica e alle competizioni motociclistiche.

Continue Reading

Trending